ULTIME NOTIZIE

29/Lug/2021

Come pubblicato sulla rivista di protesi nordamericana “Journal of Arthroplasty”, studi comparativi randomizzati sull’approccio anteriore rispetto a quello posteriore nell’impianto di protesi d’anca non mostrano alcuna differenza significativa né nel primo anno né nel secondo dopo l’impianto della protesi. protesi. D’altra parte, dipende dall’esperienza del chirurgo.

Se a questo aggiungiamo che l’approccio superiore, che è l’avanzamento mini-invasivo dell’approccio posteriore, non provoca danno tendinomuscolare, il risultato è più immediato.

Gli approcci superiori possono essere il Superpath e il DSA, entrambi utilizzati da anni dall’unità d’anca come centro di riferimento nella chirurgia mininvasiva da tutti i suoi membri.

Dall’Unità dell’anca consigliamo il seguente video, che mostra la procedura della tecnica Superpath. Puoi vedere il video cliccando qui.


2019-11-05-Dr-Flavio-Superpath.jpeg
29/Lug/2021

Tra il 6 e il 9 novembre, il professor Dr. Flavio Peirano, un rinomato chirurgo argentino di anca e ginocchio, capo dell’ospedale Churruca della polizia federale di Buenos Aires, visita l’Unità dell’anca, ICATME, Dexeus University Hospital – Group Salute Chirone.

Il Dott. Flavio effettua un soggiorno di scambio di formazione medica, con l’obiettivo di portare a Buenos Aires la tecnica Superpath di impiantare protesi dell’anca con protezione muscolo-endendocapsulare. La tecnica Superpath (Anca totale assistita portale percutanea sopracapsulare) per l’impianto di protesi d’anca con protezione di muscoli, tendini e capsule è stata introdotta in Spagna dal dott. Cárdenas e Ribas nel 2015 dopo la loro formazione e accreditamento a San Diego – CA attraverso il programma SOV.

Da qui, anche altri importanti specialisti del nostro paese come il dottor Raúl Torres, Jesús Mas, Juan Rivera o Boris García hanno sviluppato e ampliato la tecnica.


2019-03-01Dr-Cardenas-Superpath-1200x804.png
29/Lug/2021

Drs Dimitri Kanellopoulos e Vadim Benkovich, dalla Grecia e Israele frequentano l’Unità di Hip Dexeus Istituto universitario, per formare con il dottor Carlomagno Cardenas (istruttore specializzato, capo insegnamento ICATME) nell’arte mini-invasiva “Superpath” di impianto di protesi d’anca.

Questa tecnica, che non richiede alcun deinsertion muscolare e il componente acetabolare viene impiantato attraverso un portale accessorio fornisce meno sanguinamento e rapido ritorno alle normali attività.

studi comparativi con altri approcci realizzati in Nord America e in Australia mostrano grandi differenze sia sanguinamento intra e post-operatoria, come degenza ospedaliera, il consumo di analgesici e la ripresa delle attività quotidiane.

La tecnica Superpath: Total Hip supracapsular Assisted Portal è una tecnica per impiantare una protesi d’anca, senza necessità di sezionare i tendini o di dislocare l’anca una protesi dell’anca, anche conserva intatta innervazione e vascolarizzazione hip

Questo è l’intervallo attraverso il quale si avvicina l’anca senza interessare muscoli o tendini sia della parte anteriore che posteriore. Quelli sopra citati devono solo essere delicatamente e delicatamente separati senza tagliarli


Copyright by BoldThemes 2018. All rights reserved.