ULTIME NOTIZIE

2019-09-30_Venecia-1200x901.jpeg
29/Lug/2021

Questo sabato 28 settembre, il Dott. Ribas, insieme al Dott. Paolo Esopi e al Dott. Sílvia, effettuano, presso l’Ospedale Dolo – Venezia, un intervento di trasferimento del gluteo massimo.

A cosa serve un trasferimento muscolare? Una delle cause dell’instabilità di una protesi dell’anca può essere dovuta alla mancanza di supporto muscolo-tendineo dei muscoli pelvitrocanti e in particolare del gluteo medio e inferiore (vedi l’aggiornamento sulla conferenza tenuto dal Dr. Ribas nella Società Hip italiano della scorsa settimana a Bergamo). L’assenza di pelvitrocantereos correttamente funzionanti è una situazione invalidante per il paziente, che è persino costretto a vagare con una o due stampelle.

Questa insufficienza può verificarsi per diversi motivi. Negli ultimi decenni sono state utilizzate e descritte più tecniche per sostituire e / o rafforzare i muscoli pelitrocanterici dell’anca, che vanno dal trapianto di tendini, dalla trasposizione muscolare con tecniche microchirurgiche all’applicazione di placche a maglie di collagene umane o artificiali .

Negli ultimi due decenni, la tecnica di trasferimento del terzo prossimale del muscolo gluteo massimo, con il suo prolungamento della fascia lata che agisce come un tendine (fissato al grande trocantere del brutto) descritta dal professor Dr. Leo Whiteside degli Stati Uniti, ha rappresentato una soluzione biologico che allevia questa patologia con risultati clinico-funzionali.

L’unità dell’anca ha fatto questo intervento in casi molto specifici per più di quindici anni.


Copyright by BoldThemes 2018. All rights reserved.