ULTIME NOTIZIE

2019-10-03_Garcia-Bragado.jpeg
18/Ott/2019

Le nostre più sincere congratulazioni all’atleta Jesús Angel García Bragado che, a 50 anni, ha ottenuto la sua partecipazione 12 + 1 alla marcia mondiale di 50 km tenutasi a Doha.

Congratulazioni per la tripla partenza:
1 / Dedizione altruistica, esempio per tutti. (18 dei partecipanti non erano ancora nati nella loro prima Coppa del Mondo).
2/12 + 1 in tutto il mondo.
3/8 ° posto e classifica diretta per la sua 6a Olimpiade, questa volta a Tokyo.

Dal team My Hip, congratulazioni!


2019-09-30_Venecia-1200x901.jpeg
18/Ott/2019

Questo sabato 28 settembre, il Dott. Ribas, insieme al Dott. Paolo Esopi e al Dott. Sílvia, effettuano, presso l’Ospedale Dolo – Venezia, un intervento di trasferimento del gluteo massimo.

A cosa serve un trasferimento muscolare? Una delle cause dell’instabilità di una protesi dell’anca può essere dovuta alla mancanza di supporto muscolo-tendineo dei muscoli pelvitrocanti e in particolare del gluteo medio e inferiore (vedi l’aggiornamento sulla conferenza tenuto dal Dr. Ribas nella Società Hip italiano della scorsa settimana a Bergamo). L’assenza di pelvitrocantereos correttamente funzionanti è una situazione invalidante per il paziente, che è persino costretto a vagare con una o due stampelle.

Questa insufficienza può verificarsi per diversi motivi. Negli ultimi decenni sono state utilizzate e descritte più tecniche per sostituire e / o rafforzare i muscoli pelitrocanterici dell’anca, che vanno dal trapianto di tendini, dalla trasposizione muscolare con tecniche microchirurgiche all’applicazione di placche a maglie di collagene umane o artificiali .

Negli ultimi due decenni, la tecnica di trasferimento del terzo prossimale del muscolo gluteo massimo, con il suo prolungamento della fascia lata che agisce come un tendine (fissato al grande trocantere del brutto) descritta dal professor Dr. Leo Whiteside degli Stati Uniti, ha rappresentato una soluzione biologico che allevia questa patologia con risultati clinico-funzionali.

L’unità dell’anca ha fatto questo intervento in casi molto specifici per più di quindici anni.


Dr Ribas Bergamo
Gluteo medio y su inserción tendinosa en el trocanter mayor femoral
Gluteo medio y su inserción tendinosa en el trocanter mayor femoral
18/Ott/2019

La sua presenza è richiesta quest’anno come pioniera riconosciuta nel trattamento delle lesioni dei tendini glutei medi e minori nella sua area di inserzione femorale, spesso erroneamente denominata “trocanterite o borsite trocanterica”. Oggi la letteratura medica anglosassone la chiama sindrome del grande dolore trocantere (GTPS).

Per il lettore ecco i punti più importanti della sua presentazione:

1 / La grande sindrome del dolore trocantere (sindrome del trocantere doloroso – GTPS, che provoca dolore nella parte laterale dell’anca e limitazione funzionale) si verifica tra il 10 e il 25% della popolazione in qualche momento della vita, principalmente nelle donne di mezza età, secondo un articolo di revisione del nuovo capo dell’unità di chirurgia di conservazione dell’anca presso l’Ospedale per Chirurgia Speciale di New York, il professor Bryan Kelly.

2 / Tra le diverse cause meccaniche e biologiche, spicca la caduta nella produzione di estrogeni durante la menopausa, che altera la qualità della resistenza alla trazione dei tendini, specialmente nella spalla e nell’anca *.

2 / Altre recensioni mostrano che tra il 40 e il 68% dei casi di GTPS sono rotture a livello dell’inserzione del gluteo medio / minore.

3 / Un trattamento inadeguato, a seconda del grado di rottura, può mettere a rischio la degenerazione grassa del muscolo e la sua perdita di funzionalità con conseguente zoppia e limitazione funzionale.

4 / Diversi gradi di lesione si distinguono, secondo la classificazione combinata Thomas-Milwaukee, da cui le prove mediche enfatizzano i diversi trattamenti in base allo stadio.

5 / L’unità dell’anca è stata pioniera in Europa nel trattamento delle lacrime glutei medie e minori. Nel loro studio presentato nel 2018, presso l’European Hip Society a L’Aia (EHS), vengono dimostrati i buoni risultati clinico-funzionali del trattamento delle lacrime, secondo la tecnica mini-invasiva per questa patologia lanciata nel 2007, con e più di 12 anni di esperienza attraverso la tecnica mini-invasiva e artroscopica.

6 / Il dott. Ribas spiega l’algoritmo nel trattamento di queste lesioni.

 

* Salini et al. “Prevalenza e fattori di rischio per le lacrime della cuffia dei rotatori asintomatici nelle donne in postmenopausa.” Menopausa 2014 marzo; 21 (3): 275-80.


2019-09-18-Nota-informativa.jpeg
18/Ott/2019

Le insufficienze di copertura della testa del femore, associate a deformità (come in questo caso di sequel della malattia di Perthes), possono essere combinate con una tecnica mini-invasiva con osteotomie femorali usando nuovi sistemi di fissazione come placche femorali di stabilità angolare. Questa fissazione è enormemente stabile e consente la mobilizzazione e la riabilitazione immediate per il paziente.


2019-09-18-Essen-.jpeg
18/Ott/2019

Insegnamento della tecnica mini-invasiva per il trattamento dello shock femoro-acetabolare dell’anca, nel corso di formazione continua tedesco per chirurghi dell’anca che si è tenuto nella città di Essen.

Sotto il titolo di “Tecniche moderne mini-invasive dell’anca”, sia la tecnica mini-invasiva per il trattamento dello shock femoro-acetabolare, del Prof. Marco Ezechieli, sia il precedente approccio di Madera e la tecnica Superpath per l’impianto di Protesi dell’anca totale, tecniche ben note di cui l’Unità dell’anca del Dexeus University Hospital (gruppo Quirónsalud) era già pioniera ai suoi tempi. Siamo molto contenti dei progressi e della diffusione di queste tecniche, oltre all’osteotomia periacetabolare mini-invasiva per la displasia residua come l’artroscopia dell’anca, che rende il nostro lavoro il lavoro quotidiano.

Presto i medici tedeschi inizieranno la loro formazione specialistica nel nostro centro.

Il professor Marco Ezechieli, un noto chirurgo dell’anca esperto, ha fatto parte del suo addestramento superspecializzato presso l’Unità dell’anca del Dexeus University Hospital.


DSC01493-1200x821.jpg
18/Ott/2019

L’interesse per l’apprendimento dell’osteotomia periacetabolare mini-invasiva nei chirurghi super-anca cresce in Spagna e Portogallo.

L’osteotomia periacetabolare mini-invasiva per il trattamento della displasia residua del giovane adulto, i suoi infortuni e le sue molteplici associazioni patologiche, sta suscitando un crescente interesse nei paesi dell’Europa meridionale, sia nei pazienti che negli specialisti grazie all’eccellente risultati ottenuti con detta tecnica.

Durante questa estate, il dott. Manel Ribas e il dott. Carlomagno Cardenas, specialisti in questo intervento, i medici specializzati in questa tecnica, hanno effettuato interventi dimostrativi davanti a giovani chirurghi di grande fama, riconoscimento e proiezione, sia a Madrid che a Porto.

D’altra parte, la partecipazione attiva dell’unità dell’anca al congresso mondiale di conservazione dell’anca (società ISHA), che si terrà a Madrid dal 16 al 19 ottobre, è pronta.


2019-06-20-Congres-SECCA-1200x293.jpg
18/Ott/2019

In questa occasione, il XXI Congresso della Società Spagnola di Chirurgia dell’anca si è tenuto nella città di Elche, nel Paese Valenciano e ha potuto contare sulla presenza del Dr Ribas, membro principale dell’unità Hip.

Il Dr. Ribas, 15 anni dopo la pubblicazione del suo articolo “Attuale evidenza nel trattamento dello shock femoroacetabolare” nel Journal spagnolo di chirurgia ortopedica e traumatologia dell’articolo, ha fatto una presentazione sulle evidenze di questa patologia.

Nella sua presentazione, il dott. Ribas ha sottolineato, punto per punto, tutte quelle prove che oggi i medici e i pazienti dovrebbero sapere. Il più eccezionale, con il più alto livello di evidenza, è che è stato dimostrato che il trattamento chirurgico dello shock femoroacetabolare presenta risultati clinico-funzionali migliori rispetto al miglior trattamento non chirurgico e semplicemente alla riabilitazione.

Diversi studi randomizzati, multicentrici e comparativi (livello di evidenza 1) sono stati condotti per corroborarlo. Questi studi sono stati pubblicati anche in riviste scientifiche di grande impatto come “The Lancet”.

 


2019-06-12_Sociedad-Rusa.jpeg
18/Ott/2019

Il 24 maggio, il Dott. Manel Ribas è stato nominato Membro Onorario della Russian Hip Society, nella città russa di Nizhny, Novgorod.

La sua lettura di voce, pronunciata in inglese e tradotta in russo, è stata “Nuove tecniche mini-invasive di conservazione dei tessuti molli nella sostituzione dell’anca totale primaria” (nuove tecniche di protesi dell’anca primaria con protezione dei tessuti molli).

È noto che l’Hip Unit è un centro di riferimento europeo e precisamente con la figura del dott. Cardenas-Nylander, nonché il responsabile dell’insegnamento dell’intero dipartimento ICATME. L’Unità Hip offre corsi in cadaveri, addestramento e specialisti dell’Europa meridionale e centrale, anche dalla Russia, dagli Stati Uniti e dal Giappone.

La tecnica Superpath ha dimostrato, secondo i dati del Registro australiano, una riduzione del 91% nel portare gli analgesici alla dimissione ospedaliera, nonché l’autonomia nella vita quotidiana nell’85% dei casi a 2 settimane.

Con la nomina del dott. Manuel Ribas come membro onorario della Russian Hip Society, un membro della terza generazione di medici della famiglia Ribas rivisita la Russia 130 anni dopo. 130 anni dopo un dottore della famiglia-Saga dei Dottori Ribas, il prestigioso professore Dr Manuel Ribas, specialista in Medicina Interna ed Epidemiologia ed ex presidente dell’Accademia delle Scienze Mediche della Catalogna e delle Isole Baleari fino alla sua morte, fratello del La pneumologa Joan Ribas, (diverse popolazioni della Catalogna prendono il nome da una strada o da un viale, come ad esempio la famosa Avenida del Dr Manuel Ribas e Perdigó de Badalona.

Il professor Manuel Ribas era la mano destra del dottor Bartolomé Robert, che era il sindaco di Barcellona. Manuel Ribas non cedette mai al suo lavoro al servizio dei pazienti e ha nel suo file uno, che considerava una “macchia nera”: avendo perso le opposizioni a Madrid in una mano per mano con il suo collega anche il professor Ramón y Cajal.

Quello che non saprei è che due generazioni più tardi Antoni Ribas, oggi professore di Oncologia alla UCLA e presidente della International Society of Oncology, ha scoperto l’immunoterapia contro il melanoma.

Nei circoli della famiglia Ribas, tra l’altro molto uniti, con incontri e pranzi familiari, si dice che “se un giorno Ribas può essere un premio Nobel”, Antoni può sicuramente esserlo.

Un dettaglio del professor Manuel Ribas (1888): non conoscendo il tedesco, si trasferì a fare il suo soggiorno di formazione specialistica in medicina interna in Germania. Sembra familiare, giusto?

Il dott. Manuel Ribas, chirurgo dell’anca, ha fatto il suo ultimo anno di lavoro in Storia della medicina in un modo apparentemente semplice:

“Biografia medica del professor Manuel Ribas i Perdigó”, anno 1981.


D7LTYwtWwAAzUPa.jpg
18/Ott/2019

La settima edizione del congresso congiunto tra AEA (Spanish Arthroscopy Association) e SEROD (Spanish Knee Society) si è svolta il 22, 23 e 24 maggio presso il Centro Esposizioni della città di Santander.

Il dott. Cardenas, in qualità di unico rappresentante dell’Unità Hip, ha partecipato al documento: “Patogenesi e diagnosi clinica dello spazio peritrocanterico”, in cui abbiamo parlato della cosiddetta “borsite dell’anca o trocanterite”.

 

 

 


Imatge-Madrid-1200x1269.jpg
18/Ott/2019

Maggiori specialisti europei mobilità dell’anca doppio e approcci mini-invasivi coinvolte in questo problema, sotto gli auspici della multinazionale americana Stryker.

Esso descrive il ruolo della doppia mobilità nel protesi d’anca è strappata, la chirurgia mini-invasiva approccio diretto superiore che conserva i tendini muscolari e capsula articolare (DSA: approccio superiore diretto), il ruolo di un rapido recupero con questo approccio e cosa portano i nuovi materiali

Hanno formato il Dr. Jorge Guadilla (Vitoria), programma di Dr Manuel Ribas, il professor Jean Alain Epinette (Lille e attuale presidente della società europea Hip-EHS) e il dottor Jesús Mas (Alicante).

Nel pomeriggio sessioni pratiche (cadaver-Lab) di istruzione nella tecnica sono state eseguite dagli specialisti riuniti, provenienti dalla Spagna e dal Portogallo.

La “Doppia mobilità” non è un concetto attuale, è stata sviluppata in Francia a metà degli anni settanta. Il suo meccanismo intrinseco che porta una sfera dall’altra, il tasso più basso di lussazione protesica si ottiene (prima causa di revisione durante i primi 5 anni secondo Registro protesi australiano). In Francia, quasi il 50% dei chirurghi attualmente utilizzano questa tecnica, ma non è stato fino alla fine del primo decennio del secolo, che il suo uso è aumentato con la comparsa sul mercato di nuovi polietileni reticolati alti.

Diversi studi hanno dimostrato una perfetta combinazione in pazienti con neuropatie ipermobili, muscolare dell’anca deficit, l’obesità nei pazienti con fissazione lombo-sacrale in cui il bacino rimane in una posizione invariabile nel trattamento delle displasie avanzato in desanquilosis, etc. . e nella chirurgia protesica sostitutiva

L’approccio DSA minimamente invasivo consente l’implementazione di un sistema a doppia mobilità. L’anca dell’ospedale universitario Dexeus ha un protocollo della tecnica secondo una patologia individualizzata e dopo una meticolosa pianificazione preoperatoria.

Gli approcci mini-invasivi per la protezione tendinomusculocapsular, anteriore diretto e supracapsular assistito da Portal Superpath (R) e DSA sono stati in giro attuate anni presso l’Università Dexeus Hospital, dove il centro di riferimento che attirano specialisti e residenti nella specialità di Chirurgia Ortopedica programma di allenamento MIR ufficiale.


D6iBZ-gWwAMOJ0p-1200x867.jpg
18/Ott/2019

Ieri, il 13 maggio è stata una giornata molto intensa, 9 interventi chirurgici alla moda in cui visitatori dal Messico, Portogallo, Romania, Spagna (Madrid) e Giappone, hanno accompagnato il dott. Cardenas, capo dell’unità didattica dell’ICATME, nei suoi interventi di chirurgia protesica e chirurgia conservativa.

L’Unità Hip riceve circa 5o visitatori annuali che chiedono di partecipare agli interventi dei membri del nostro team. Ancora una volta, l’Hip Unit si rivela un punto di riferimento nel settore.


2019-05.-Simposio-Brasil-1200x990.jpg
18/Ott/2019

Sponsorizzato dalla Brazilian Hip Society (SBQ), il Dr. Manel Ribas come capo dell’Unità Hip dell’Ospedale Universitario Dexeus (gruppo Quirónsalud) partecipa con la presentazione di 9 conferenze che trattano argomenti che vanno dalla patologia alla prevenzione e trattamento dell’anca nei giovani e nell’atleta, sia d’élite che amatoriale e occasionale.

Chirurghi specializzati provenienti da diverse parti del Brasile, medici dello sport e riabilitatori hanno partecipato a questo incontro. All’evento, organizzato dal noto prof. Lafayette Lage di Sao Paulo, hanno partecipato famosi e rinomati specialisti come il professor Javier Pérez Torres di Bogotá, Jorge Cruz di Meló, Fernando Leal, Manuel Padín di Oporto e altri rinomati specialisti da entrambe le parti dell’Atlantico.

È stata evidenziata l’importanza della diagnosi precoce della patologia meccanica dell’anca, nonché il trattamento delle lesioni che causano effetti, la chirurgia mini-invasiva e il suo effetto sul rapido recupero dei pazienti.

Particolare enfasi è stata posta sulle moderne tecniche mini-invasive utilizzate per proteggere la capsula e le sue strutture, in pazienti di tutte le età con osteoartrite. Tale prevenzione comporta un aumento della stabilità e un recupero più rapido riducendo la sensazione di dolore poiché i recettori del dolore rimangono invariati, così come i meccanocettori, e si ottiene una funzionalità più rapida.


WhatsApp-Image-2019-05-25-at-09.46.17-1-1200x510.jpeg
18/Ott/2019

25 e 26 aprile si è tenuto il Congresso annuale della SETRADE (Società Spagnola di Traumatologia dello Sport) a Palma di Maiorca, dove ha partecipato a due degli specialisti in tutto il mondo hip spagnoli più riconosciuti e consolidati: Dr. Luis Pérez Carro di Santander e Dr. Manuel Ribas di Barcellona.

Congresso è stato presentato con un nuovo formato emozionante, in cui gli esperti si siedono sul palco, un relatore aggiornamento delle conoscenze attuali come un vero -per sintesi, complimenti ai relatori delle varie commissioni – e poi un dialogo interattivo viene stabilito tra il moderatore e gli assistenti.

In questa occasione, il dottor Manuel Ribas ha partecipato in qualità di esperto e moderatore a tavola “femoroactabular Shock”, “displasia residuale” e “sindromi dell’anca periferico” (profonda gluteo, ischiofemoral, infratuberal e trocanteriche). In questi giorni, ha rivelato le attuali limitazioni di artroscopia in diverse aree e l’importanza di osteotomia periacetabolare in caso di lesioni da displasia labbro residua (insufficiente copertura della testa del femore).

L’ospedale universitario Dexeus è un punto di riferimento in tutta l’Europa meridionale nel trattamento dell’osteotomia periacetabolare mediante una tecnica mini-invasiva.


2019-04-29_Bellotti-1200x1600.jpg
18/Ott/2019

Il Dott. Vittorio Bellotti partecipa come visiting professor in diverse tavole rotonde e terrà conferenze diverse, come le fratture della testa del femore, la tecnica mini-invasiva della protesi dell’anca con protezione muscolo-tendine, le lesioni dei tendini dell’abduttore dell’anca, l’esperienza in l’osteotomia mini-invasiva periacetabolare per l’anca con displasia moderata, di cui l’Unità dell’anca è un riferimento mondiale.

 

 


2019-04-29-EFORT.jpg
18/Ott/2019

Il dott. Oliver Marín, capo chirurgo dell’ospedale Infanta Leonor di Madrid, partecipa al Congresso ucraino dell’anca 2019.

Il 24-27 aprile si è tenuta nella città ucraina di Kharkiv la Conferenza internazionale “Trattamento avanzato della patologia dell’anca e del ginocchio”.

Il congresso è stato organizzato dai medici Stanislav Bondarenko e Olga Pidgaiska della società ucraina di chirurgia ortopedica e traumatologia. La parte della chirurgia ricostruttiva dell’anca si è svolta giovedì 25 aprile con la massiccia presenza di chirurghi ortopedici ucraini e paesi limitrofi, raggiungendo 350 partecipanti.

Il soggetto della chirurgia dell’anca ha affrontato questioni relative alla chirurgia protesica, producendo dibattiti molto interessanti sui temi più controversi della chirurgia dell’anca.

Questo congresso si è svolto in collaborazione con European Hip Society (EHS) e la Federazione europea di chirurgia ortopedica e traumatologia (EFORT). Con più di 20 relatori internazionali inviati da queste società, è diventato una vetrina dell’aggiornamento della chirurgia dell’anca. Gli assistenti locali hanno contribuito con le loro domande al dibattito e hanno colto l’opportunità per condividere i casi con i relatori europei.

La rappresentanza spagnola era composta dai medici Eduardo García-Rey e Oliver Marín-Peña, essendo la rappresentazione dei più numerosi paesi europei.


2019-04-01-Luis-Ramirez-1200x1200.jpg
18/Ott/2019

Quest’anno, 2019, la città di Amsterdam ha ospitato il più importante corso teorico e pratico per la cura pelvica in Europa, la settima edizione del Corso Pelvico Europeo.

Il Dr. Manel Ribas e il Dr. Luis Ramírez-Núñez dell’ICATME hanno partecipato a questo corso di formazione tenutosi il 4 e 6 aprile, dove hanno avuto l’opportunità di ampliare le loro conoscenze e sviluppare approcci pionieristici a livello pratico. livello internazionale come il “Para-recto” e l’approccio “Anteriore Intra Pelvico”, entrambi considerati come chirurgia pelvica meno invasiva.

Hanno anche avuto l’opportunità di provare nuovi impianti e strumenti specifici dedicati al bacino.


2019-04_Instrumentistas.jpeg
18/Ott/2019

I nostri strumentisti, Laura De Vazeilles e Vanessa Leal, della Hip Unit di Icatme, hanno presentato nel National Nursing Congress la tecnica mini-invasiva a portale per l’impianto di protesi d’anca.

Per quanto riguarda le altre tecniche di impianto protesico, “Superpath” ha una strumentazione molto diversa e specifica. Il successo della tecnica mini-invasiva è multidisciplinare. È fondamentale la partecipazione di tutti e del nostro team di strumentisti pilastri angolari su cui contare e dipendere.

Grazie mille Laura e Vanessa per essere come sei.


2019-03-Marco-Ezechieli-1200x820.png
18/Ott/2019

Il dott. Marco Ezechieli ha eseguito un intervento chirurgico di protesizzazione per il precedente mini-approccio trasmesso in diretta nella città russa di Cheboksary.

In questo intervento, non viene eseguita solo la chirurgia dell’ammortamento femoroacetabolare, ma anche l’impianto di una protesi d’anca viene sviluppato dal precedente approccio mini-invasivo.

Puoi vedere il video completo delle notizie qui.


icatme copy
HOSPITAL-UNIV-DEXEUS_HORIZONTAL_POSITIVO-COLOR_CMYK

Copyright by BoldThemes 2018. All rights reserved.