ULTIME NOTIZIE

Portada-01-2-1200x805.jpg
24/Gen/2021

Salutiamo un anno 2020 collettivamente molto complicato:

  • Difficile a tutti i livelli della nostra società.
  • Abbiamo visto il lato più fragile della nostra “civiltà avanzata”.
  • Abbiamo visto sofferenza, angoscia immersi in un tunnel che vede una luce di speranza con l’ingresso dell’anno che segue.

Ma soprattutto ha messo alla prova ognuno di noi, con le nostre paure, il nostro spirito di solidarietà. Nessuno di noi dimenticherà mai la nostra memoria. Pertanto, da questo team di professionisti super specializzati in uno dei rami della Medicina con la massima risoluzione ed eccellenza, vogliamo augurarvi un prospero e felice 2021 pieno di salute. Non l’abbiamo mai valutato nel suo insieme come prima.


2020-09-20_Hip Resurfacing1
2020-09-20_Hip Resurfacing2
24/Gen/2021

Pubblicato il più importante lavoro di follow-up al mondo sulle protesi di superficie per giovani (con caratteristiche particolari e non impiantabili in tutti i pazienti con protocollo specifico).

Questo è uno studio di follow-up di 22 anni su 11.382 protesi di superficie in pazienti di età inferiore a 50 anni. Queste protesi sono state impiantate da 27 team di riferimento nel mondo da un massimo di 13 diversi paesi di primo livello, dai continenti americano, europeo e oceanico.

Nel presente studio è dimostrato che con un’adeguata indicazione, pianificazione ed esecuzione tecnica, in quei pazienti (soprattutto uomini con artrosi dell’anca) la durata dei loro impianti supera i 22 anni in più del 90% dei casi. Le donne sono uguali agli uomini in termini di durata per protesi che possono essere impiantate nelle stesse dimensioni per la maggior parte dei diametri della testa degli uomini.

La protesi di superficie non è impiantabile in tutti i pazienti, questo dipenderà dalle loro caratteristiche ossee intrinseche, dalla loro densità minerale ossea, dal loro indice di massa corporea e dal follow-up che il paziente eseguirà. La stragrande maggioranza di questi sono giovani pazienti coinvolti sia in attività fisico-sportive ad alta richiesta sia in quelle professioni che richiedono uno sforzo fisico.

L’Unità Icatme dell’anca, Ospedale universitario Dexeus Grupo Quirón Salud di Barcellona, ​​è un centro di riferimento mondiale accreditato, sia per le protesi di superficie che per la chirurgia mininvasiva, sia per la sostituzione dell’anca che per la chirurgia di conservazione dell’articolazione dell’anca o artroscopia dell’anca come periacetabolare, femorale, osteotomia combinata e AAMOT.

Puoi consultare l’intero studio cliccando qui.


2020-10-15_JOA_1
24/Gen/2021

Come pubblicato sulla rivista di protesi nordamericana “Journal of Arthroplasty”, studi comparativi randomizzati sull’approccio anteriore rispetto a quello posteriore nell’impianto di protesi d’anca non mostrano alcuna differenza significativa né nel primo anno né nel secondo dopo l’impianto della protesi. protesi. D’altra parte, dipende dall’esperienza del chirurgo.

Se a questo aggiungiamo che l’approccio superiore, che è l’avanzamento mini-invasivo dell’approccio posteriore, non provoca danno tendinomuscolare, il risultato è più immediato.

Gli approcci superiori possono essere il Superpath e il DSA, entrambi utilizzati da anni dall’unità d’anca come centro di riferimento nella chirurgia mininvasiva da tutti i suoi membri.

Dall’Unità dell’anca consigliamo il seguente video, che mostra la procedura della tecnica Superpath. Puoi vedere il video cliccando qui.


2020-10-11_Webinar Peru1
24/Gen/2021

L’11 settembre, il dottor Ribas, capo dell’unità Dexeus Hip, parteciperà come relatore principale al webinar: “Protesi primaria con approccio superiore con protezione dei tessuti molli”, insieme ai medici Marcelo Lizarraga, Víctor Valladares e Christian Valladares, tutti peruviani. L’Ospedale Militare Centrale del Perù è incaricato di organizzare l’evento.


2020-09-08_Quirón
2020-09-08_Quirón1
24/Gen/2021

L’équipe medica dell’Unità dell’anca del Dipartimento di Chirurgia Ortopedica e Traumatologia dell’Ospedale Universitario Dexeus (ICATME), guidata dal Dott. Manel Ribas, ha pubblicato nell’ultimo numero dello Spanish Journal of Orthopaedic Surgery and Traumatology (RECOT) il prima grande serie nell’Europa meridionale di casi di osteotomia periacetabolare con tecnica mini-invasiva nel trattamento della displasia dell’anca residua.

Si tratta di uno studio retrospettivo su 131 pazienti operati con questa tecnica presso l’Ospedale Universitario Dexeus tra il 2007 e il 2016. Lo studio conclude che l’osteotomia periacetabolare utilizzando l’approccio mini-invasivo consente il ripristino della copertura dell’acetabolo, correggendo la displasia, migliorando la capacità funzionale e qualità della vita dei pazienti operati.

Displasia dell’anca residua

“La displasia residua dell’anca è una patologia più comune di quanto si creda. Alla fine della crescita, la testa del femore, per diversi motivi, potrebbe non essere stata ben coperta dall’acetabolo e si verifica instabilità e alterazione dell’anca. una serie di strutture stabilizzanti che a lungo andare producono dolore e perdita di capacità funzionale, che porta alla necessità di impiantare una protesi “, ha spiegato il dottor Manel Ribas, responsabile dell’Unità Anca dell’Ospedale Universitario Dexeus.

Approccio classico

Negli ultimi decenni ci sono stati vari tentativi per tentare di ripristinare questi fianchi, ma è stato solo nel 1988 quando il dottor Ganz dell’Università di Berna ha sviluppato una tecnica in grado di correggere questa patologia. Si tratta di un’osteotomia periacetabolare che, attraverso quattro tagli attorno all’acetabolo, ne permette la rotazione in modo da fornire una maggiore copertura alla testa del femore e recuperare il contatto della cartilagine naturale del paziente tra acetabolo e femore, proteggendo l’articolazione.

Nel 2003 il Dr. Manel Ribas è stato il primo chirurgo spagnolo a eseguire questa tecnica. “Tuttavia”, aggiunge il chirurgo, “con l’obiettivo di continuare a migliorare, nel 2007 presso l’Ospedale Universitario Dexeus di recente apertura abbiamo eseguito la prima osteotomia periacetabolare utilizzando una tecnica mini-invasiva descritta dal dott. Soballe”.

“Questo nuovo approccio chirurgico consiste nell’eseguire una serie di tagli ciechi, che vengono visualizzati con l’aiuto di un team radiologico in sala operatoria, evitando il muscolo in modo da ottenere meno sanguinamento, meno tempo chirurgico, meno dolore post-operatorio, un rapido recupero funzionale e un miglioramento estetico rispetto alla tecnica precedente “.

Lo studio pubblicato da RECOT raccoglie i primi 131 casi di osteotomia periacetabolare mini-invasiva eseguita dal team del Dr. Ribas presso il Dexeus University Hospital e analizza i risultati a medio e lungo termine.

Secondo il dott. Luis Ramírez Nuñez, chirurgo presso l’unità dell’anca e primo firmatario dello studio, “i pazienti trattati con questa tecnica hanno ottenuto una corretta copertura acetabolare con poche complicazioni e con un significativo miglioramento dei risultati funzionali”.

“Quattro anni dopo aver subito l’operazione, il 98% dei pazienti non ha avuto bisogno di sottoporsi a nessun altro intervento poiché l’intervento aveva completamente risolto la displasia”, aggiunge.

 

Patologia sottodiagnosticata

Ribas afferma che “è importante poter diagnosticare e curare la displasia residua poiché si tratta di una patologia sottodiagnosticata che è estremamente confusa con altre patologie dell’anca come la lesione da shock acetabolare e richiede un trattamento differenziato”.

L’Unità dell’anca del Dexeus University Hospital è un punto di riferimento nelle prestazioni di questa tecnica che viene eseguita regolarmente. Dal primo intervento del Dr. Ribas nel 2007, quasi 500 interventi chirurgici sono stati eseguiti utilizzando questa tecnica.

Questa notizia è stata pubblicata sul sito web dell’ospedale Quirón Dexeus. Puoi vederlo premendo qui.


2020-09-07_Avi Manel2
2020-09-07_Avi Manel
2020-09-07_Avi Manel 1
24/Gen/2021

Come i lettori già sanno, il nonno del dottor Ribas era un importante internista, specialista in patologia polmonare e malattie infettive, che esercitava a Barcellona tra la fine del XIX e la prima metà del XX secolo. Era il capo dell’Ospedale de la Santa Creu y Sant Pau e ha dovuto affrontare l’epidemia di colera scoppiata a Barcellona e l’epidemia di influenza spagnola. Il professor Ribas aveva come assistente quello che in seguito divenne professore di medicina a Saragozza e Madrid, e il Premio Nobel per la medicina: il professor Santiago Ramón y Cajal.

Scrisse numerosi libri e riportò opere di enorme impatto nell’Europa del tempo. Parlava un tedesco perfetto, essendosi formato come internista in Germania (forse qualcuno lo conosce).

Riguardo alle epidemie, ha espresso pubblicamente un’opinione che sembra presa dal presente, solo 100 anni fa:

“Affinché un’epidemia possa essere considerata finita, devono sussistere una o più delle seguenti condizioni:
Che più della metà della popolazione è immunizzata.
Che il germe perde virulenza.
Che esiste un trattamento efficace per combatterlo.
Che ci sia un vaccino per la popolazione “.

Crediamo che 100 anni dopo il suo pensiero sia ancora molto attuale.


2020-06-24_Brasil 3
2020-06-24_Brasil 4
2020-06-24_Brasil 5
2020-06-24_Brasil
24/Gen/2021

Il programma del “Primeiro Simpósio Internacional de Atualizaçao em cirugia do quadril”, tenutosi il 1 maggio 2019 nell’Aula Magna dell’Ospedale de Santa Caterina de São Paulo, è ora interamente disponibile sulla piattaforma YouTube.

Nelle immagini possiamo vedere il dott. Ribas con il dott. Lage de São Paulo, famoso chirurgo dell’anca in tutto il mondo per la sua classificazione delle rotture del labiale acetabolare e organizzatore del concorso.

Possiamo anche vedere il dott. Ribas insieme al dott. Jorge Cruz de Melo, un dottore riconosciuto in Portogallo, anche il personale del Porto FC.

 


2020-06-21_COVID 2
24/Gen/2021

Entro una settimana festeggeremo 2 mesi dal riavvio dell’attività chirurgica elettiva con il più grande successo: nessun caso segnalato di complicazione Covid19 nel nostro centro.

I mesi ai vertici della curva di contagio, quando il parto era normale e necessario, e siamo intervenuti solo in quegli interventi d’urgenza strettamente urgenti, sono alle nostre spalle.

Quando la curva di contagio si è stabilizzata, sempre al di sotto di 1, era tempo di riprendere l’attività elettiva, cioè la stragrande maggioranza degli interventi all’anca: chirurgia per shock femoro-acetabolare, displasia e artrosi dell’anca in le sue diverse presentazioni con tecniche mini-invasive.

Dall’inizio di maggio abbiamo proceduto attraverso il protocollo “Safe Hospital”. Hospital Seguro è un protocollo che comprende una serie di misure sia fisiche che clinico-diagnostiche il cui obiettivo è proteggere tutti i pazienti Covid, sia negativi che curati, da possibili positivi Covid, sia in regime ambulatoriale sia in caso di emergenza. area della sala operatoria, terapia intensiva e impianti di ricovero.

Grazie all’implementazione di questo protocollo e alla risposta positiva non solo da parte del personale sanitario ma di tutti i pazienti curati (attualmente ICATME lavora a pieno regime) siamo stati in grado di svolgere la nostra attività senza alcuna segnalazione da parte di Sars-cov- Due.


2020-06-18_Six Dreams 1
2020-06-18_Six Dreams 2
2020-06-18_Six Dreams 3
2020-06-18_Six Dreams 4
24/Gen/2021

Dopo l’intervento dell’Unità dell’anca nel recupero di Aritz Aduriz, calciatore dell’Athletic Club di Bilbao, la squadra dell’Unità dell’anca ha partecipato al documentario “Six Dreams”, presto su Amazon Prime.

In questa seconda stagione di questa serie di documentari di produzione spagnola, seguiranno figure iconiche del nostro calcio nazionale: Borja Iglesias (Betis), Aritz Aduriz (Athletic Bilbao) o Santi Cazorla (Villareal).


2020-06-02_Aduriz 1
24/Gen/2021

Il calciatore basco dell’Athetic de Bilbao ha subito con successo un intervento chirurgico all’anca sinistra presso l’Ospedale Universitari Dexeus Quirónsalud, a Barcellona.

L’operazione, eseguita dal Dott. Ribas e dal suo team, è stata eseguita con assoluta normalità e senza complicazioni.

Si fa eco alle notizie ufficiali del club, è possibile accedervi facendo clic qui.

 


2020-05-27_diapo 1
2020-05-27_diapo 2
2020-05-27_diapo 3
2020-05-27_diapo 4
2020-05-27_diapo 5
2020-05-27_diapo 6
2020-05-27_diapo 7
2020-05-27_diapo 8
2020-05-27_diapo 9
24/Gen/2021

L’unità dell’anca, così come tutta l’ICATME, ha iniziato con successo l’attività chirurgica non urgente elettiva (ad esempio: chirurgia dell’artrosi, shock femoro-acetabolare, displasia dell’anca, …) dall’inizio di maggio. del protocollo SAFE HOSPITAL emerso dall’adattamento dei protocolli della Società tedesca di chirurgia ortopedica (DGOOC), International Hip Society (IHS), American Association of Hip and Knee Surgeons (AAHKS) e European Society of Arthroscopy del ginocchio e dello sport (ESSKA), presentando i suoi risultati ampiamente soddisfacenti, proteggendo i pazienti che non hanno sofferto di malattia COVID e quelli che sono stati curati da pazienti con COVID asintomatici positivi, mediante specifici esami clinici e radiologici obbligatori in l’ospedale universitario Dexeus, Grupo Quirón Salud.

Per l’interesse dei lettori, sia sanitari che non sanitari, viene lasciata un’immagine che corrisponde al diagramma di contorno del protocollo Safe Hospital che viene seguito per l’introduzione dei pazienti chirurgici secondo i più severi standard di sicurezza.


2020-05-23_Ribas Venezuela 1
2020-05-23_Ribas Venezuela 2
2020-05-23_Ribas Venezuela 3
2020-05-23_Ribas Venezuela 4
24/Gen/2021

Il 23 maggio la Società Venezuelana di Chirurgia Ortopedica e Traumatologia (SVCOT) organizza un Congresso telematico internazionale, con l’assistenza di specialisti di entrambi i continenti.

La dott.ssa Ribas e Cardenas presentano i loro risultati e la loro esperienza nella diagnosi e nel trattamento dello shock femoro-acetabolare (noto nell’America centrale e meridionale come Impingement femoro-acetabolare).

Con oltre 2.000 interventi effettuati, l’Unità dell’anca è emersa come uno dei parametri di riferimento nel trattamento di questa patologia, la prima causa di dolore all’anca dell’atleta e la prima causa meccanica di artrosi in detta articolazione.

Oltre all’esposizione di casi di shock femoro-acetabolare, vengono presentati casi clinici di altre patologie dell’anca meccanica che devono essere differenziate. La più frequente confusione con lo shock femoro-acetabolare è la displasia dell’anca residua. Entrambe fanno sì che le lesioni condrolabali si evolvano liberamente, ma il trattamento della causa è completamente diverso: mentre lo shock femoro-acetabolare viene trattato con rimodellamento della sovrapposizione acetabolare e della gobba femorale, la displasia residua viene trattata reindirizzando l’acetabolo per fornire una copertura fisiologica . Ciò si ottiene attraverso l’osteotomia periacetabolare, una tecnica di cui questa unità è un centro di riferimento in Europa per la sua tecnica mini-invasiva.


2020-05-20_UC 2
2020-05-20_UC 1
2020-05-20_UC 3
24/Gen/2021

L’unità anca è tornata con successo alla sua solita attività. In modo molto soddisfacente, mantenendo il protocollo “circuito negativo di Covid” implementato dall’ICATME e dal Dexeus University Hospital, che isola e protegge i pazienti che non hanno sofferto di Covid-19 e quelli che sono stati curati.

Si riprende l’attività di cura dei pazienti con patologie dell’apparato locomotore.

 

RICORDA DI ANDARE AL TUO APPUNTAMENTO:

1. Devi indossare la maschera.
2. Cerca di essere puntuale, né prima né dopo il tempo indicato.
3. Solo il paziente sarà in grado di accedere alla consultazione, a meno che non sia un dipendente o un minore.
4. Rispettare la distanza sociale di 2m.


2020-05-12_Icatme 1
2020-05-12_Icatme2
24/Gen/2021

Dopo la stabilizzazione delle infezioni da parte di COVID 19, l’ospedale universitario Quirón Dexeus e, di conseguenza, l’ICATME, abbiamo ripreso, a poco a poco, la nostra attività. Per fare questo, abbiamo ristrutturato lo spazio fisico delle nostre consultazioni e sale d’attesa, con l’obiettivo di evitare la folla e garantire la distanza fisica. Oltre alle riforme dell’area di lavoro, lo stato dei professionisti viene monitorato giorno dopo giorno

Per questa nuova fase, ICATME ha un manuale di prevenzione del Coronavirus, di cui possiamo evidenziare:

  • I tempi di visita sono stati distanziati
  • Le ore di consultazione sono state aumentate con una maggiore richiesta di puntualità
  • Il tempo di visita è ridotto al minimo, per evitare l’affollamento tra i pazienti
  • È essenziale avere un appuntamento per essere presenti presso le nostre strutture
  • L’uso di una maschera è obbligatorio
  • Devi andare all’appuntamento all’ora esatta, né prima né dopo.

In queste condizioni, con un’esaustiva procedura preoperatoria focalizzata sul Coronavirus, con le misure stabilite nelle sale operatorie e le misure adottate dall’ICATME negli studi medici, possiamo offrire un ambiente sicuro per effettuare interventi chirurgici e follow-up nelle nostre strutture di persona. e mediante telemedicina, se applicabile, per evitare spostamenti evitabili.

Maggiori informazioni sul sito web di ICATME.


2020-05-14_ISHA tel1
24/Gen/2021

Con un pubblico telematico mondiale di oltre 500 specialisti medici nell’artroscopia dell’anca, il dott. Cárdenas pone l’accento sul trattamento chirurgico dei conflitti spaziali attorno all’anca, anch’esso trattabile con l’artroscopia.

Oggi il dott. Cárdenas è considerato uno dei maggiori specialisti del mondo nel settore.


2020-05-07_Prof Soballe 1
2020-05-07_Prof Soballe 2
2020-05-07_Prof Soballe 3
2020-05-07_Prof Soballe 4
2020-05-07_Prof Soballe 5
2020-05-07_Prof Soballe 6
24/Gen/2021

Dall’Unità dell’anca vogliamo ringraziare il professor Kjeld Söballe (Aarhus-Danimarca), brillante chirurgo dell’anca e del bacino, ex presidente del comitato scientifico della European Hip Society (EHS); lui nel 2006 (2 anni prima di pubblicarlo sull’American Journal JBJS Am 2008) mi ha insegnato la tecnica mini-invasiva. La nostra fortuna è averlo conosciuto, la sua generosità, impegno didattico. Non possiamo mai ringraziarlo come merita.

Prima di tutto grazie amico Kjeld.

Fu lui a rendersi conto che l’osteotomia periacetabolare di Ganz poteva essere eseguita con un approccio mini-invasivo che non comprometteva i muscoli, produce meno emorragie, molto meno dolore postoperatorio e un rapido ritorno alle attività quotidiane, incluso lo sport.

Oggi c’è un numero indeterminato di atleti con displasia moderata, con un rapporto da 4 a 5 donne a 1 uomo, sebbene esistano fattori etnici e genetici. La displasia di basso grado non viene sempre rilevata alla nascita o durante il primo anno di vita.

L’osteotomia periacetabolare mini-invasiva richiede un team medico-infermieristico altamente specializzato e coordinato. Possiamo vedere nell’immagine il Dr. Luis Ramírez che posiziona le viti mentre il Dr. Ribas mantiene il corretto reindirizzamento dell’acetabolo per fornire una normale copertura tridimensionale della testa del femore da parte dell’acetabolo. Nella nostra esperienza, non esiste un limite o displasia standard residua uguale. Il trattamento è paziente individualizzato per paziente in base a un calcolo preoperatorio dettagliato. Raccomandiamo di leggere su Instagram – Linkedin o su Twitter “L’osteotomia periacetabolare passo dopo passo” del Dr. Luis Ramírez.


2020-05-06_Distancia 1
24/Gen/2021

Come abbiamo potuto leggere su media come la Medical Writing o la newsletter tedesca BR24, uno studio condotto dall’Università di Eindhoven (Paesi Bassi) insieme all’Università cattolica di Lovanio (Belgio), mostra che le particelle di virus che rimangono fluttuanti nel aria quando siamo in movimento, richiedono una maggiore distanza tra le persone.

La raccomandazione dello studio è di mantenere una distanza di 4 m quando si cammina e più di 10 m quando si corre.

Per leggere l’articolo completo sulla scrittura medica, è possibile fare clic qui.

Se vuoi vedere l’articolo BR24, puoi accedere cliccando qui.

 


2020-05-03_Osteotomia Periacetabular1
24/Gen/2021

Sebbene l’unità dell’anca sia rivolta a giovani e giovani adulti con displasia, spesso non notata durante l’infanzia, si è verificata nel 2 °, 3 ° e 4 ° decennio di vita. Questo lavoro, pubblicato sulla più grande rivista spagnola di Ortopedia e Traumatologia, rappresenta il primo lavoro pubblicato su questa tecnica mini-invasiva in Europa centrale e Europa meridionale.

Per ringraziare il nostro collega Dr. Luis José Ramírez, specialista e membro dello staff dell’Unità, e i compagni che abbiamo avuto negli ultimi anni che, con la loro dedizione, hanno reso possibile questo lavoro di raccolta dei dati, misurazione dell’angolo e analisi. statistico.

Avremmo potuto pubblicare perfettamente questo lavoro su una rivista internazionale, ma crediamo che lo dobbiamo al nostro paese. Diffondere la conoscenza di questa tecnica nel nostro campo. È così che i colleghi medici fondamentalmente spagnoli e di lingua spagnola possono accedere a informazioni così preziose ed edificanti.

Ringrazio il Dr. Luis José Ramírez per la sua dedizione all’argomento, argomento della sua tesi di dottorato, sotto la direzione del professore dell’Università di Barcellona Andreu Combalía e di me stesso (Dr. Manuel Ribas) come tutor.

Appariranno nuove opere, già più specifiche nella linea della sua tesi di dottorato, nonché nel campo degli atleti displastici. Recentemente nell’American Journal of Sports Medicine è stato riferito che il 21% dei calciatori scandinavi soffriva di dolore all’anca a causa della displasia residua e il 46% della displasia borderline. In questi casi, la valutazione individuale è essenziale per offrire il trattamento più appropriato: trattamento artroscopico semplice, riparazione delle lesioni condrolabali nella displasia borderline, trattamento artroscopico associato all’osteotomia periacetabolare mini-invasiva o osteotomia periacetabolare mini-invasiva.

Per ora, il Dexeus University Hospital è l’unico nel sud dell’Europa, che dal 2007 ha eseguito l’osteotomia periacetabolare usando una tecnica mini-invasiva.

Puoi consultare lo studio facendo clic qui.


icatme copy
HOSPITAL-UNIV-DEXEUS_HORIZONTAL_POSITIVO-COLOR_CMYK

Copyright by BoldThemes 2018. All rights reserved.