Pionieri in Spagna nell’approccio mini-invasivo nella chirurgia della displasia dell’anca

4 settembre, 2020 by admin0
2020-09-08_Quirón
2020-09-08_Quirón1

L’équipe medica dell’Unità dell’anca del Dipartimento di Chirurgia Ortopedica e Traumatologia dell’Ospedale Universitario Dexeus (ICATME), guidata dal Dott. Manel Ribas, ha pubblicato nell’ultimo numero dello Spanish Journal of Orthopaedic Surgery and Traumatology (RECOT) il prima grande serie nell’Europa meridionale di casi di osteotomia periacetabolare con tecnica mini-invasiva nel trattamento della displasia dell’anca residua.

Si tratta di uno studio retrospettivo su 131 pazienti operati con questa tecnica presso l’Ospedale Universitario Dexeus tra il 2007 e il 2016. Lo studio conclude che l’osteotomia periacetabolare utilizzando l’approccio mini-invasivo consente il ripristino della copertura dell’acetabolo, correggendo la displasia, migliorando la capacità funzionale e qualità della vita dei pazienti operati.

Displasia dell’anca residua

“La displasia residua dell’anca è una patologia più comune di quanto si creda. Alla fine della crescita, la testa del femore, per diversi motivi, potrebbe non essere stata ben coperta dall’acetabolo e si verifica instabilità e alterazione dell’anca. una serie di strutture stabilizzanti che a lungo andare producono dolore e perdita di capacità funzionale, che porta alla necessità di impiantare una protesi “, ha spiegato il dottor Manel Ribas, responsabile dell’Unità Anca dell’Ospedale Universitario Dexeus.

Approccio classico

Negli ultimi decenni ci sono stati vari tentativi per tentare di ripristinare questi fianchi, ma è stato solo nel 1988 quando il dottor Ganz dell’Università di Berna ha sviluppato una tecnica in grado di correggere questa patologia. Si tratta di un’osteotomia periacetabolare che, attraverso quattro tagli attorno all’acetabolo, ne permette la rotazione in modo da fornire una maggiore copertura alla testa del femore e recuperare il contatto della cartilagine naturale del paziente tra acetabolo e femore, proteggendo l’articolazione.

Nel 2003 il Dr. Manel Ribas è stato il primo chirurgo spagnolo a eseguire questa tecnica. “Tuttavia”, aggiunge il chirurgo, “con l’obiettivo di continuare a migliorare, nel 2007 presso l’Ospedale Universitario Dexeus di recente apertura abbiamo eseguito la prima osteotomia periacetabolare utilizzando una tecnica mini-invasiva descritta dal dott. Soballe”.

“Questo nuovo approccio chirurgico consiste nell’eseguire una serie di tagli ciechi, che vengono visualizzati con l’aiuto di un team radiologico in sala operatoria, evitando il muscolo in modo da ottenere meno sanguinamento, meno tempo chirurgico, meno dolore post-operatorio, un rapido recupero funzionale e un miglioramento estetico rispetto alla tecnica precedente “.

Lo studio pubblicato da RECOT raccoglie i primi 131 casi di osteotomia periacetabolare mini-invasiva eseguita dal team del Dr. Ribas presso il Dexeus University Hospital e analizza i risultati a medio e lungo termine.

Secondo il dott. Luis Ramírez Nuñez, chirurgo presso l’unità dell’anca e primo firmatario dello studio, “i pazienti trattati con questa tecnica hanno ottenuto una corretta copertura acetabolare con poche complicazioni e con un significativo miglioramento dei risultati funzionali”.

“Quattro anni dopo aver subito l’operazione, il 98% dei pazienti non ha avuto bisogno di sottoporsi a nessun altro intervento poiché l’intervento aveva completamente risolto la displasia”, aggiunge.

 

Patologia sottodiagnosticata

Ribas afferma che “è importante poter diagnosticare e curare la displasia residua poiché si tratta di una patologia sottodiagnosticata che è estremamente confusa con altre patologie dell’anca come la lesione da shock acetabolare e richiede un trattamento differenziato”.

L’Unità dell’anca del Dexeus University Hospital è un punto di riferimento nelle prestazioni di questa tecnica che viene eseguita regolarmente. Dal primo intervento del Dr. Ribas nel 2007, quasi 500 interventi chirurgici sono stati eseguiti utilizzando questa tecnica.

Questa notizia è stata pubblicata sul sito web dell’ospedale Quirón Dexeus. Puoi vederlo premendo qui.


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


icatme copy
HOSPITAL-UNIV-DEXEUS_HORIZONTAL_POSITIVO-COLOR_CMYK

Copyright by BoldThemes 2018. All rights reserved.